Contorni

Carciofi alla Romana

Carciofi alla Romana - Pasticci e Pasticcini blog

I Carciofi alla Romana, ovvero come si usa preparare i carciofi romaneschi a Roma e badate bene che non esiste una ricetta tipica in assoluto, nel senso che, come per tutte le ricette classiche, poi la tradizione famigliare presenta delle piccole modifiche secondo i gusti personali; questa è la ricetta dei Carciofi alla Romana che si preparano a casa mia.

Carciofi alla Romana

Ingredienti per quattro persone:

8 carciofi romaneschi

3 spicchi di aglio

Qualche ciuffo di prezzemolo

3 filetti di acciughe sott’olio

Un mazzetto di mentuccia romana

Sale

Olio extra vergine di oliva

1 limone

Per la pulizia del carciofo è necessario togliere le parti non commestibili e filamentose. Cominciate con il gambo, eliminando la parte che dista più di quattro centimetri dalla base; la porzione che rimane attaccata va pelata della parte più dura. Eliminate le foglie più esterne, fino ad arrivare a quelle più chiare e morbide; tagliate la punta in cima al carciofo e levate la barba o fieno allargando le foglie al centro e scavando con un coltellino. Infine battete leggermente i carciofi a testa in giù su un ripiano, in modo da fargli prendere la forma di un fiore aperto e immergeteli in un recipiente di acqua acidulata con il succo spremuto del limone, per evitare che prima della cottura possano annerire.

Prendete le foglioline della mentuccia, lavatele insieme al prezzemolo e preparate un trito con le acciughe scolate e l’aglio pulito.

Riempite i carciofi con il trito aromatico e disponeteli stretti e a testa in giù dentro un tegame. Salate leggermente i gambi, bagnate con l’olio extra vergine di oliva e una tazzina di acqua e mettete il coperchio; se i gambi dovessero risultare lunghi da non poter chiudere ermeticamente il tegame, tagliateli a misura, divideteli in quattro nel senso della lunghezza e adagiateli nella pentola.

Lasciate cuocere a fuoco basso per una ventina di minuti circa, controllando di tanto in tanto se l’acqua asciuga troppo ed eventualmente aggiungendo qualche altro cucchiaio di liquido.

Quando infilzando la base del carciofo verso il cuore con i rebbi di una forchetta dovessero risultare teneri, vuol dire che sono pronti. Se vedete ancora molto liquido a fine cottura, togliete il coperchio e lasciate ritirare.

A presto.

Segui Pasticci e Pasticcini anche su Facebok e metti mi piace qui 🙂

Gobbi al Pomodoretto - Pasticci e Pasticcini BlogConoscete i cugini dei carciofi? Ecco gli squisiti Gobbi al Pomodoretto.